Roncade: Gli aiuti e la 3^ Spedizione Umanitaria del Gruppo Solidarietà di Marca ai terremotati del centro Italia

CONDIVIDI

Domenica 10 dicembre 2017 a mezzanotte da Roncade (TV) alla volta delle zone terremotate del centro Italia, 28 volontari del Gruppo locale di Solidarietà di Marca, coadiuvati dall’Unitalsi della sotto sezione di Treviso e Triveneta e dai volontari della Protezione Civile di Roncade, sono partiti con un carico di circa 50 quintali di derrate alimentari, giochi per bambini, pellet, cancelleria, 2 climatizzatori, 2 lavastoviglie, reti, materassi, indumenti nuovi e tantissimi altri oggetti casalinghi utili. Ben 6 furgoni e 2 pulmini hanno preso parte alla 3^ spedizione solidale che il gruppo Solidarietà di Marca ha organizzato. Nei giorni precedenti, tramite annunci sulla propria omonima pagina facebook ma anche grazie al tamtam sui vari gruppi whatsapp locali (scuole, palestre, amici, familiari, ecc) si è tenuta la raccolta solidale presso i locali dell’Asilo Vittoria dove per circa 10 giorni, i volontari hanno accolto le centinaia di persone che da Roncade ma anche da comuni limitrofi e non solo (Monastier, Silea, Ponzano Veneto, San Biagio di Callalta, Casale sul Sile, Noventa di Piave, Marcon, ecc) hanno portato ogni bene a favore di chi in un secondo ha perso tutto.

All’alba i volontari erano già a Macerata presso il magazzino del Cisom (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta) per scaricare i primi furgoni in quanto questa Associazione, attiva sin da subito presso le zone terremotate per prestare i primi soccorsi durante la prima fortissima scossa del 24 agosto 2016, si occupa di distribuire alle famiglie più bisognose di quei territori, quanto ricevuto in dono dai vari gruppi nazionali di volontariato.

Successivamente si sono recati a San Benedetto del Tronto dove ad attenderli vi erano i volontari di 2 associazioni animaliste “Protezioni Animali” e “Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente” ai quali sono stati consegnati circa 3 quintali di crocchette e bocconcini.

Il viaggio è proseguito verso Arquata del Tronto (AP) dove ad attendere il gruppo, vi erano i responsabili delle predette Associazioni i quali erano di ritorno dal giro ricognitivo delle aree dove sono presenti animali domestici, principalmente cani e gatti, ai quali portano cibo e acqua per le proprie esigenze. Dopo una breve sosta con un piccolo scarico di pellet presso il Blue Bar sulla “Salaria” ai piedi del Borgo Arquata, un bar posto in un container e che accoglie i pochi abitanti della zona che ancora sono rimasti in loco ma che prima era un punto di ritrovo per tutti gli abitanti locali nonché per le persone in transito, i 28 volontari sono ripartiti per Amatrice (RI) e più precisamente per la frazione di Santa Giusta, dove ad attenderli vi era una volontaria di un piccolo paese della zona che appena pochissime ore dopo il violento terremoto si era già data da fare per prestare i primi soccorsi e che a distanza di oltre un anno, è ancora lì. Alla stessa, sono stati consegnati diversi cartoni di derrate alimentari per bambini ed adulti nonché sacchi di pellet ed indumenti nuovi. Presente in loco in quanto abitanti provvisoriamente in un container di pochissimi metri quadri, vi erano 3 donne, una mamma di 93 anni e le due figlie, le quali, nonostante la loro situazione, hanno accolto tutti i volontari con abbracci invitandoli persino ad entrare “nel container loro” a causa del freddo e del pungente vento che soffiava forte, ed a consumare un thè caldo o un caffè. La loro spontaneità ed il loro buon cuore hanno particolarmente segnato tutti i volontari. Piccoli gesti fatti da chi, nonostante tutto è lì e chiede aiuto! Ed i volontari seppur per pochi minuti, sono stati al loro fianco, facendo delle promesse di ritorno!

La tappa successiva è stata in uno dei 2 centri commerciali aperti da poco, nel centro abitato, se così si può definire, di Amatrice. Una città fantasma dove si può facilmente capire cosa sia potuto succedere in quella notte e nei giorni successivi. Case distrutte, puntellate, rase al suolo… Case e strade vigilate dalle Forze dell’Ordine perché c’è chi, senza cuore, compie atti di sciacallaggio, così come spiegava anche il responsabile Cisom di Macerata. Vige il silenzio in quelle strade, vige il ricordo, vige lo sconforto e l’angoscia anche per i 28 volontari! Un clima surreale, spettrale! Ma nonostante tutto, il Gruppo non si demoralizza anzi, si dà forza e la dà anche a coloro che incontrano per strada e in uno dei 2 centri commerciali. Infatti, grazie alla collaborazione di una volontaria del posto, hanno fatto una piccola festa per i bambini con tanto di Babbo Natale, regali e sacchettini di caramelle realizzati dal Gruppo Scout di Roncade. Insomma, un momento conviviale e di sostegno…mentre fuori scendevano delicati fiocchi di neve che quasi non volevano toccare terra per appesantirla e creare ulteriore disagio, quella terrà già duramente martoriata dal sisma!

I volontari hanno consumato il pasto presso una piadineria riaperta da poco e mentre erano intenti a pranzare, i titolari raccontavano la loro tremenda esperienza: vivi per miracolo perché un pezzo di volta non si è staccato nella loro abitazione e sono riusciti a scappare da una “bocca di lupo” assieme ai loro bambini. Brividi!

Rimessosi in viaggio a metà pomeriggio, la carovana roncadese ha fatto un’ultima tappa ad Acquasanta Terme (AP) dove ha effettuato un ultimo scarico presso alcune famiglie del posto. In corso vi era anche una festa di Natale con tanto di Babbo Natale ed Elfi ed i volontari sono stati invitati al momento conviviale.

Nel tardo pomeriggio, ripartiti alla volta di Roncade, i volontari sono arrivati quasi a mezzanotte. Un intero giorno dedicato esclusivamente al volontariato a favore di migliaia di Italiani, nostri fratelli, che hanno bisogno di aiuto, che hanno bisogno di tutti noi affinché la loro situazione non venga dimenticata.

Il Gruppo Solidarietà di Marca, prima di ripartire da ogni tappa effettuata, ha fatto delle promesse di ritorno e sta già pensando al prossimo viaggio che molto probabilmente si farà in primavera.

Oltre alla solidarietà cittadina, sono state molte le ditte che hanno aderito all’iniziativa e per questo motivo si  intende ringraziare il comune di Roncade per il patrocinio, e le seguenti ditte: Trevisin Marco da Roncade per aver messo a disposizione 2 furgoni, Proced da Dosson di Casier per aver messo a disposizione un furgone, Impresa edile Pierino Gambirasi da Roncade per aver messo a disposizione un furgone, Protezione Civile di Roncade per aver messo a disposizione 2 furgoni e 5 volontari, Unitalsi sotto sezione di Treviso e Triveneta per aver messo a disposizione 2 pulmini finanziati da una associata all’Unitalsi Treviso e 7 volontari, Acqua Minerale San Benedetto di Scorzè (VE), CM Sogni Sas di Nervesa della Battaglia (TV), Natura Si di Roncade, Agriturismo Frasca da Pompe di Roncade, Tognana di Casier (TV), Toshiba Italia, Nice Spa di Oderzo (TV), Agraria De Vido di Roncade, Asilo Vittoria di Roncade, Il Paradiso dei Bimbi di Treviso, Ink Pub di Roncade, il Gruppo Sagra Cà Tron, il Gruppo Sagra San Giacomo, il Gruppo Scout di Roncade, Riso Grazia, Natura Si di Roncade, Panificio Ziggiotti di Roncade, Macelleria Fedato di Roncade, Caseificio Bettiol di Roncade, Le Primizie di Roncade, Supermercato Crai di Roncade, Scuola Walt Disney di Roncade, Pavan Combustibile di Roncade, Molino Comirato di Treviso ed i signori Francesco Gobbo, Domenico Pellin, Michele Polito, Matteo Rosada e Alfio Bellio.

Roncade, 14.12.2017

Tutte le foto