San Cipriano : “Nella Culla del Divino” chiamarli Presepi è riduttivo

CONDIVIDI

Dalla romana piazza del Campidoglio e da Porta a Porta alla Chiesa Antica di San Cipriano di Roncade, i certosini presepi d’autore di Christian Apreda. 

Dal 2 dicembre al 7 gennaio nella splendida pieve medievale.

Un Temporary della prima mostra nazionale dell’artista anche nel Quartiere Latino, a Treviso.

Un’emozione diversa davanti al miracolo di una tradizione che si ripete anno dopo anno e che va al di là della cristianità, quella che l’Assessorato al Turismo e Pro Loco di Roncade organizzerà dal 2 dicembre al 7 gennaio nella ristrutturata pieve medievale di San Cipriano con l’allestimento dei presepi di Christian Apreda.

Riprendendo fedelmente la Roma Sparita degli acquerelli del pittore romano Ettore Roesler Franz, l’allestimento “Nella Culla del Divino” è un viaggio che propone la rappresentazione di Natività densissime di incredibili minuterie artigianali ambientate in angoli capitolini che non esistono più.

I presepi di Apreda hanno ricevuto prestigiosi riconoscimenti, sono stati esposti in piazza del Campidoglio a Roma e sono approdati anche alla trasmissione di Bruno Vespa, Porta a Porta, ma è solo a San Cipriano che si potranno ammirare tutti insieme.

“La mostra è una prima nazionale – spiega l’assessore delegato, Loredana Crosato – ed è patrocinata da Roma Capitale, oltre che dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Treviso. Potremo ammirare 5 teche e 6 presepi con dimensioni anche di diversi metri quadrati.  Siamo orgogliosi di ospitare le opere del Maestro Apreda, che porta avanti con fantasia e minuziosa sapienza la tradizione dei presepi romani. Associare i lavori di Apreda ai presepi classici è, di conseguenza, molto riduttivo.”

Per fare un esempio, nel Presepe scenografico in stile ‘700 tratto dalle foto della Piazza Francese di Napoli del 1920, che verrà presentato nel Temporary della mostra in una vetrina del Quartiere Latino a Treviso, i pastori di Apreda sono realizzati a mano con volto e mani in terracotta, occhi in vetro e piedi ed arti in legno. I loro abiti sono stati creati con tessuti della Fabbrica di San Leucio. Le minuterie sono in cera. La scenografia realizzata in polistirolo e legno con tegole in terracotta.

Ricca è anche la programmazione di eventi a Roncade (teatro, concerti, cori, manifestazioni, mercatini) che si terranno in concomitanza della mostra nella chiesa del XV secolo.

Il giorno dell’inaugurazione (il 2 dicembre, alle ore 20.30 in quella che i roncadesi chiamano affettuosamente “Cesa Vecia de Sansiran” (via Trento Trieste, 34 – San Cipriano) si terrà lo spettacolo di letture e musica “I doni invisibili, racconti per il Natale”, con la voce di Margherita Stevanato e l’accompagnamento al pianoforte di Caterina Marcuglia.

Tutte le iniziative su chiesanticasancipriano.it

I biglietti d’ingresso variano da 1 a 5 euro. Gli orari: la Chiesa Antica sarà aperta nei giorni feriali dalle 16.00 alle 19.00, mentre nei giorni festivi l’orario sarà dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Ufficio Stampa Città di Roncade

uff.comunicazione@comune.roncade.tv.it

345 5099747